Come ridurre lo spreco alimentare domestico?

Una grande parte del cibo destinato al consumo umano, viene sprecato quando ancora in buone condizioni per essere consumato. Lo spreco alimentare si riferisce a tutti quegli alimenti scartati dalla catena agroalimentareritirati dalla vendita in quanto non conformi ai requisiti aziendali o prossimi alla scadenza. Inoltre, si parla di spreco anche per riferirsi alle eccedenze alimentari o alla poca attenzione del consumatore in ambito domestico. In questo caso, generalmente, si tratta di errori associabili a pratiche di acquisto o comportamenti sbagliati e poco ragionati.

spreco alimentare

Le cause dello spreco alimentare

Lo spreco alimentare in ambito domestico da parte delle famiglie è attribuibile a un eccesso degli acquisti rispetto ai consumi. Ciò deriva dai cosiddetti acquisti d'impulso, che portano il consumatore a propendere per scelte emozionali di consumo. Si aggiunge l'errata pianificazione della spesa, con conseguente acquisto di prodotti in eccesso, o la poca conoscenza della modalità di conservazione degli alimenti. Secondo il Rapporto Il caso Italia 2022 di Waste Watcher International per iniziativa della campagna Spreco Zero di Last Minute Market e dell’Università di Bologna, su monitoraggio Ipsos, solo nell'ultimo anno sarebbero stati sprecati rifiuti alimentari per una cifra che raggiungerebbe la soglia di 7 miliardi di euro. In media, a settimana, gli italiani sono soliti gettare nella spazzatura circa 550 g di prodotti alimentari, per un totale di quasi 50 kg annui. I dati raccolti dal Rapporto confermano quanto detto sopra. Infatti, tra le cause allo spreco, gli stessi intervistati individuano:

  • Scarsa attenzione nel monitorare la data di scadenza dei prodotti.
  • Poca capacità nel saper ponderare la quantità di cibo da acquistare al supermercato.

spesa alimentare

Come ridurre lo spreco alimentare domestico?

Non badare al formato, ma a come conservi l'alimento

Spesso si tende a pensare che per evitare lo spreco alimentare sia necessario per forza acquistare confezioni in piccoli formati. Invece, guarda alla convenienza e presta attenzione a come conservi il cibo! L'errore che si commette più frequentemente riguarda la modalità di mantenimento della freschezza del prodotto. Ad esempio, controlla che il frigo sia impostato sulla temperatura corretta. O ancora, fai caso alla disposizione degli alimenti all'interno (lo sai che esiste una logica per disporre ogni referenza al giusto posto?). Inoltre, molti alimenti possono essere congelati. Così, è possibile prolungare la vita dell'alimento e preservarlo a distanza di tempo. Puoi acquistare il pesce in grande formato, porzionarlo e scongelarlo al momento del bisogno, mantenendo intatto tutto il suo sapore.

Non buttare, utilizza per qualcos'altro

Esistono alcuni piccoli accorgimenti per imparare ad utilizzare quelle parti che altrimenti andrebbero buttate vie, ma che comunque possono essere sfruttate per creare delle buone ricette! Il pane raffermo usalo per impastare delle gustose polpette. Le foglie di sedano sono ottime per preparare un estratto depurativo o del pesto. Non gettare gli scarti della verdura (gambi e foglie): queste, di norma considerate di scarto, possono rivelarsi un concentrato di elementi nutritivi. Sono perfette per portare a tavola ottimi brodi e vellutate. Vale lo stesso per gli scarti del pesce. Sono l'ideale per cimentarsi nella ricetta di un ottimo fumetto di pesceuna preparazione versatile, che ti consente di insaporire tanti altri piatti.

Impara a fare la spesa, organizza la settimana

Verifica quello che hai in casa e che deve essere consumato nel breve termine. Poi, fai una lista dei prodotti da acquistare e in quali quantità. Puoi programmare la settimana! Se hai un lasso di tempo stabilito, riuscirai ad organizzarti meglio i pasti, con metodo e in maniera sensata e saprai anche cosa dovrai cucinare di giorno in giorno. Perché non aiutarti con un bel calendario o una lavagna da appendere in cucina? Infine, ti consigliamo di non andare a fare la spesa a stomaco vuoto, è uno stratagemma molto furbo, che ti consentirà di evitare gli eccessi!


spreco alimentare conservazione alimenti